convivenza2016 17
 
27 e 28 settembre 2016
Come da consolidata tradizione, l’anno scolastico alla scuola media del Sant’Orsola è iniziato con la “convivenza”: due giorni insieme, alunni e docenti, per conoscere, conoscersi e vivere nuove esperienze. Particolarmente ricco il programma della “Convivenza 2016”: si parte alla scoperta dell’antico sito archeologico di Naxos, la prima colonia greca della Sicilia costruita sul promontorio che delimita il golfo di Giardini. Il prof. Pennisi ci guida tra i reperti dell’antica città: oggetti di uso comune, corredi di sepolture ma anche i bellissimi fregi dei templi ci fanno immaginare le persone che come noi, più di duemila anni fa, contemplavano il mare e le montagne che si affacciano su di esso.
conv 11Seconda tappa della mattinata è la Riserva Naturale del Fiume Fiumefreddo dove, con la guida della prof.ssa Russo, ci addentriamo tra la folta vegetazione: si cammina sotto un soffitto verde, tra i voli delle eleganti damigelle e i richiami degli uccelli, per arrivare a scoprire le sorgenti del fiume, le “quadare”, pozze d’acqua cristallina nelle quali si specchiano le chiome dei papiri. Ci spostiamo quindi alla foce del fiume, sulla spiaggia di Marina di Cottone, nella quale i ragazzi possono sperimentare se davvero il fiume Fiumefreddo merita tale nome ... via scarpe e calze, si percorre il tratto terminale del fiume con i piedi a mollo nell’acqua gelida!

Pranzo nel boschetto dietro la spiaggia e poi trasferimento in hotel sul lungomare di S.Alessio. Appena il tempo di posare i bagagli in camera e ad attendere i ragazzi ci sono i giochi preparati dal prof. Pulvirenti in riva al mare: divisi in quattro squadre, gli studenti si cimentano in prove che richiedono velocità, agilità, equilibrio e spirito di collaborazione. Nessuno si è risparmiato, dando il meglio di se in tutte le prove!
Dopo cena, un ospite gradito ha incontrato i ragazzi per una chiacchierata informale: il giovane Gabriele Incardona, ex alunno del Sant’Orsola, ha raccontato come è riuscito a realizzare il suo sogno – diventare pilota d’aereo – grazie alla perseveranza, all’appoggio degli amici e al sostegno di un professore, riuscendo così a superare difficoltà che inizialmente sembravano davvero insormontabili. Un significativo esempio per i ragazzi e un incoraggiamento a credere in se stessi e nelle proprie capacità.
Al mattino partenza per la tanto attesa caccia al tesoro nel paesino di Savoca, organizzata e coordinata dal prof. Cagni e dalla prof.ssa Biraghi. Le quattro squadre, sguinzagliate tra i vicoli di Savoca, hanno dovuto dar prova di intuito, fantasia e astuzia per venire a capo delle varie prove previste: ricerca di particolari monumenti, interviste agli abitanti del paese, foto e selfie nei posti più caratteristici, come il piccolo bar famoso per aver ospitato alcune scene del film “Il Padrino”. Sono riuscite nell’impresa di portare a termine la “caccia” le squadre in cui maggiore è stato l’affiatamento e la collaborazione tra i componenti. Al termine, gelati e granite per tutti nella piazzetta panoramica di Savoca.
Infine, dopo il pranzo in albergo e prima di fare ritorno a casa, un ultimo momento tutti insieme dedicato ai canti e ad una breve riflessione sull’esperienza vissuta, con la conferma, ancora una volta, che il tempo della convivenza contribuisce a diventare davvero compagni nel cammino!
 
Prof.ssa Claudia Russo
 

Photo gallery
 
Copyright © 2014. Tutti i diritti riservati Fondazione Sant'Orsola - P. IVA: 04915500872 - Cod. Fisc. 93167970875 FB f Logo white 50